986.30

Ho aperto questo blog il 15 Gennaio del 2005 con un post su Dimebag Darrell.
Forse vi sembrerà una cazzata, ma a me manca parecchio, mi capita di risentire i pezzi dei Pantera e di sentire la pelle accapponarsi per la passione che quest’uomo era capace di trasmettere.
Non ha nessuna attinenza col titolo di questo post che semmai ha più attinenza con Phil Anselmo, Piero Ciampi e Vinicio Capossela…chissà se l’ufficiale giudiziario che mi ha svegliato stamattina canta…
Sono tornato Lunedì da Taormina. Sono stato ad un convegno, quindi per motivi di lavoro…ma non vi prenderò per il culo.
Il convegno trattava di argomenti già vecchi dieci anni fa, quindi, nonostante abbia seguito diversi interventi, il mio interesse si è focalizzato sui rapporti umani…ovviamente professionali…e sulla cucina e sul calcolo della granulometria media della sabbia della spiaggia.
Il convegno si teneva nell’Hotel più caro di uno dei posti più cari d’Italia.
Quello che non capisco è:
-i tagli alla ricerca non eviteranno ne risolveranno mai tutto questo, perché invece non IMPORRE un’etica del consumo alle Università? Perché non OBBLIGARE le Università a dirigere i fondi di ricerca sulla ricerca e non su cene di gala con le quali si potrebbero pagare tre borse di dottorato per tre anni? Un taglio ulteriore servirà solo a fare si che domani ci saranno meno reagenti nei laboratori, meno computer…così ancora una volta dovremo comprare il frutto della ricerca dei paesi che stanno accanto a noi…
Io e E. abbiamo un’alternativa…speriamo che ne sentiate parlare presto.
I migliori rapporti umani, sociali e professionali  si intessono tranquillamente in osteria, davanti a un piatto di spaghetti innaffiati da vino rosso…e oltrettutto ci si diverte di più (perché, c’è qualcuno convinto che a lavorare non ci si possa divertire?).
Da parte mia, ho indossato tutto il tempo scarponi da trekking e giacca a vento a dispetto di posate e sottopiatto d’argento, così pacchiani che non valeva neanche la pena fregarli…

un ciddì: Pantera – Reinventing the Steel (East West Records, 2003)
link: wikipedia
link: website

Advertisements
This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

8 Responses to 986.30

  1. PureSteel says:

    Quello che stanno facendo con la ricerca in Italia non è altro che cercare di farci diventare l’ultimo paese del mondo in quanto a contributi scientifici.

  2. anonimo says:

    il solito comunista alternativo del cazzo
    fottiti tu e tutti quelli come te…io esigo i sottopiatti di feltro ai convegni

  3. cheo says:

    matrice pif…non ti puoi nascondere dietro l’anonimato 🙂

  4. carlos2348 says:

    A me sta bene. A prescindere !

  5. cheo says:

    Carlos, ti reputo una persona intelligente, mi piacerebbe che argomentassi il tuo punto di vista da esterno…poi ti do il mio …da interno.

  6. carlos2348 says:

    Cheo lo sai come la penso… Per quel che mi riguarda tutto ciò che riguarda lo “studio” per migliorare le condizioni di vita, deve essere agevolato. Lo scambio di conoscenze deve essere un canale preferenziale per aiutare la ricerca. Ma siamo sicuri che : i tagli vengano fatti per mancanza di denaro e non per lasciare le cose come stanno ? Non vorrei mai qualcuno scoprisse qualcosa di interessante da far cambiare l’inerzia del mondo… E questo a chi ora governa fa davvero paura !!
    Un tempo un professore di università ci disse a lezione : ” Ogni buon governo che si rispetti, tende ad alzare lo stipendio a noi professori, hanno paura che non accontentando le nostre richieste, possiamo aprire gli occhi degli studenti ” …

  7. cheo says:

    Io la vedo così: i tagli porteranno al progressivo ed inesorabile processo di separare ricerca e docenza…ricerca appannaggio di pochi eletti (pochissimi) e studio uguale.
    Ma può essere pure che è necessario ogni tanto che qualcuno metta in discussione i tuoi diritti fondamentali perché ti svegli….

  8. DieselBurn says:

    Purtroppo i ricercatori son destinati all’espatrio…….l’Italia è piena di ottime menti ma il destino vuole che siamo così ottusi da farli scappare all’estero,questo succedeva secoli fa e succede tutt’oggi.
    L’Italia ha un difettaccio che non perde…….cercare di nascondersi dietro l’apparenza…..per nascondere il marcio,anche se quest’ultimo viene sempre fuori in un modo o nell’altro.
    I tagli……tagliano le gambe a chi ancora deve crescere!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s