definizione del modo di dire volgare: mi sono cagato in mano

Ieri sono stato a una festa delle associazioni studentesche, ma ero troppo stanco per apprezzare quel pochissimo di buono di buono che c’era, sono tornato a casa moooolto stanco e mi sono addormentato con una puntata di south park.
Mi sono svegliato con abbondante sonno ancora incollato alle sinapsi.
Ho preparato lo zaino cercando di identificare gli oggetti attraverso l’abbondante cispa che mi rivestiva gli occhi,  portatile, libri, fotocopie.
Da sotto il letto in un silenzio irreale è saltato fuori un gatto.
Ecco, appunto, mi sono cagato in mano.

In realtà il gatto era già venuto in visita a casa, ma era ormai erano diversi mesi che non dava notizie…come nella migliore tradizione felina, arieccolo….

un ciddì: wilco – wilco (nonesuch,2009)
link: wikipedia
link: official
link: scaruffi

Advertisements
This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

2 Responses to definizione del modo di dire volgare: mi sono cagato in mano

  1. anonimo says:

    hai sparato un cristone di prima mattina?
    mtsu

  2. anonimo says:

    ihihihi…non dire gatto se non ce l’hai sotto al letto…

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s