capita, a volte

C’ho sonno che ho fatto da cattivo ieri sera.
E mi sono pure svegliato presto.
Che lo stomaco non ce l’ho proprio a posto.
Bisogna festeggiarlo, l’arrivo dell’autunno.
Così nelle giornate così c’è bisogno della musica giusta.
Che poi è bizzarro, se mentre sono di sessione alcoolica, mi chiedi qualcosa di complicato tipo fare una telefonata o comprare il pane il giorno dopo, difficilmente me ne ricorderò.
I nomi dei gruppi mi restano invece stampati in testa, tipo le scritte sui bicchieri di birra.
Questo mi è stato suggerito ieri sera.

P.S. Dopo 20 minuti dei megaptera, all’improvviso, senza che nulla di particolare avvenga, durante il brano "antropofagi", i miei colleghi all’unisono hanno sbottato: "ma che cazzo stai ascoltando?"
Mi dispiace per loro, non sanno della festa in corso.


un ciddì: megaptera – staring back at you (2007)

link: myspace

Advertisements
This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

3 Responses to capita, a volte

  1. ZyklonZombie says:

    Se hai apprezzato i megaptera prova Kobe “Economy of Movement”, non dovrebbe deluderti

  2. cheo says:

    Il tuo nick non mi piace per nulla

  3. anonimo says:

    me li passi in qualche modo, che qui nun se pole? grazie
    S.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s