a sangue freddo

Ormai da qualche settimana nelle mie orecchie gira l’ultimo album de "Il teatro degli orrori".
Avrei voluto scriverne prima, ma purtroppo ogni tanto devo pure fare l’aperitivo, quindi non ho avuto tempo.
Il primo ascolto è stato deludente.
Non so cosa mi aspettassi esattamente.
Di certo, pensavo, non sarà come il primo.
E avevo ragione.
É migliore.
Il primo album è facile, immediato, uno spavento.
Il secondo no, inizia sordo, leggero con la reprise del finale di "Dell’impero delle tenebre".
L’album raccoglie immagini forti, scomposte e ricomposte più volte, a tratti apparentemente superficiali o banali.
Ma l’album è potente, cresce, sale, si corica e risale meglio di prima.
Ci ho sentito la disperazione di Piero Ciampi.
Non è un album da ipod, consiglio di lasciarlo fluire potente dallo stereo di casa in modo da svegliare più vicini e coinquilini possibile.
Ulteriore merito quello di riproporre la storia dimenticata (e da me finora sconosciuta) di Ken Saro-Wiwa per usarla come un piede di porco cerebrale. Ho dovuto ascoltarlo più volte, digerire pure il remix con i Bloody Beetroots, ardito, rischioso e forse incompleto? Non lo so, è l’unico che ancora non va giu.
Parlando con più persone dell’effetto che fanno i loro pezzi (dal punto di vista emozionale), "Catartica" salta fuori spesso…ma i paragoni non servono e non reggono.
Il Teatro riflettono perfettamente con il loro buio le nostre storie di oggi.

un ciddì: il teatro degli orrori – a sangue freddo (2009)
link:
official
link: myspace

Advertisements
This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

7 Responses to a sangue freddo

  1. anonimo says:

    e facce un pò de pubblicità, ghei di un sardo…o sardo di un ghei…
    http://www.sentireascoltare.com/articolo/1019/Il-Teatro-Degli-Orrori-aspettando-La-seconda….html

  2. cheo says:

    certo: seguite le interviste e gli articoli del piff su "cioé" e su "novella 2000", ha intervistato Orietta Berti e ha scritto pure dell’ultimo album degli 883, vi terrò agiornati….

  3. anonimo says:

    analghei di merda…invaderemo la sardinia e vi faremo più schiavi di quello che siete…

  4. cheo says:

    vieni vieni, scoprirai da te..

  5. anonimo says:

    e falla finita che io con quelli che ingrassano e dimagriscono in continuazione non ci parlo…

  6. cheo says:

    e allora non scriverci neppure, tra l’altro hai un colorino tipo ducotone…

  7. anonimo says:

    mejo ducotone che color pecorino…hiihihih

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s