primo giorno di scuola

Non lo so perché,
forse un cielo brutto grigio, tipico dell'autunno della città,
forse una notte agitata,
forse il film splattereggiante ho visto ieri sera,
forse l'alcool residuo ingurgitato sabato,
ma stamattina a tornare al lavoro, mi sentivo nervoso come se fosse il primo giorno di scuola.
Sabato, dicevo, c'è stata una festa, chez Pupazzo, una di quelle festicciole esclusive, a cui solo pochi, alcolizzati, eletti possono partecipare.
La festa si è dunque evoluta dapprima in un collettivo artistico-pittorico, poi in un talk-show, Maria de Filippi style, improvvisato nel vicolo sotto casa, con tanto di ospiti internazionali d'eccezione, per concludersi con la spettacolare e movimentata vendita in piazza, alle 2 e mezza del mattino dell'opera d'arte partorita durante la festa. 
Gli acquirenti, molto simpatici e barcollanti all'unisono con noi, si sono aggiudicati l'opera prima del collettivo per la modica cifra di 10 euro.

un ciddì: baba zula – roots (Doublemoon, 2007)
link:
official
link: myspace

Advertisements
This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s