previously

Sono stato a Rieti.

O quasi.

Ero in un paese vicino, Contigliano.

Teoria: Andiamo vicino a Contigliano a incontrare un amica, poi ci accampiamo nel bosco. Il giorno dopo prendiamo il sole al lago e torniamo a casa.

Pratica: Andiamo a Contigliano, incontriamo un’amica. C’è la festa del paese con balli in piazza. Gli altri balli non me li ricordo bene, ma mi ricordo di 5 cubane vestite da brasiliane al carnevale di Rio spuntate dal nulla che sculettavano in piazza. Arrosticini. Conosciamo due persone, ora amici. Ci dicono che ci ospitano la tenda in campagna, sotto una quercia. Ci chiedono se prima ci va di andare a farci una birra a Rieti. Andiamo a Rieti in un locale molto carino (Cotton Club) con musica dal vivo. Ci chiedono se vogliamo andare ad un rave a Roma. Decliniamo. Ci ospita una ragazza mai vista. A casa sua, perché lei va al rave. A casa sua conosciamo altre dieci persone che dormivano li, ospiti della ragazza…morale non si dorme, ma si sta benissimo e si conosce un sacco di gente interessante. Il giorno dopo sono andato a vedere un faggio straordinario. Dormiamo in po’.

Sono stato a fare lavori strani, tra i quali ho affittato la mia lingua, ma senza implicazioni sessuali.

Sono stato alla festa del Pif.

Pieno stile californiano: festa a bordo piscina, fiumi d’alcol, un sacco da mangiare ma soprattutto live Music!!!

“I loro”: Gia sentiti l’anno scorso ma decisamente migliorati!

“Le tuttattaccate”…in piena evoluzione

“I Camillas”…già i Camillas, con la sobrietà che li contraddistingue e il loro pacato sound da musica da camera…

Sono uscito poco dalla piscina. Solo per bere e a volte per mangiare. Non so cosa mi sia piaciuto di più, ma credo che ai primissimi posti ci sia la torta moretta della mamma del Pif…

Sono stato in Francia a vedere Boschi.

Ho rivisto Marsiglia, ho camminato tanto, con estremo piacere.

Nelle prossime puntate: Parto, Pupazzo, mio amico dall’infanzia universitaria, si sposa in Calabria…sono testimone…non potrò andare vestito con nu gins e ‘na maglietta…non aggiungo nulla.

Ma ho molta paura.

un ciddì: the residents – mark of the mole (East Side Digital, 1981)

link:wikipedia

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s