gordio

Se proprio devo andare in macchina a Roma voglio che ci sia almeno
una di queste condizioni:

  • Navigatore Satellitare.
  • Persona romana accanto.
  • Persona accanto non romana ma  con il tutto citta in mano.
  • Una scimmia urlatrice vestita da pizzardone per fare da interprete.

Non è che guidare a Roma non mi piaccia:
Apprezzo la sua urbanistica creativa.
Apprezzo il modo di guidare romano che presuppone utilizzo compulsivo del clacson.
Apprezzo la prepotenza gratuita quale retaggio di antichi convenevoli tribali che sfociavano ciclicamente nel sangue.
Apprezzo i cumuli di immondizia, osservabili in misura migliore quando si sta bloccati sul raccordo anulare.
Apprezzo le auto blu che imboccano la corsia d’emergenza a tutta velocità per andare a salvare il mondo.
Apprezzo la reazione a qualisasi pioggia, che trasforma Roma in Venezia.
Apprezzo l’assoluta avversione dei romani per i mezzi pubblici.

Quando mi trovo nel traffico romano recupero l’antico sardo che è in me, mi viene voglia di vestirmi di pelli, di cospargermi di fango, scheggiare dell’ossidiana e rispondere con violenza anche al buongiorno.

un ciddì: andy scott – luxury problems (Modern Love, 2012)

link:  wikipedia

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s