praivasi

Leggo del disappunto dei capi di stato per via delle intromissioni illecite nei cazzi loro.

Ma quanto mi dispiace.

Ma quanto mi dispiace.

Ma quanto mi dispiace!

Posso solo dire che solidarizzo col loro stato d’animo.

Mi ricordo ad esempio di una volta che avevo avuto qualche disguido (perché di tanto stiamo parlando) giudiziario, del quale i miei genitori vennero a conoscenza dal prete del paese che lo seppe a sua volta da un questore.

Mi ricordo di un altra volta a fiumicino dove i poliziotti mi fermarono “a campione” (Ah).  Nella sala accanto alla sala d’attesa un funzionario telefonava  non so dove chiedendo del mio conto bancario e ripetendolo per chiedere conferma.

Tutta la sala d’attesa seppe che avevo duemila euro sul conto in banca.

Poi, ovviamente, mi lasciarono uscire senza farmi mezza domanda pertinente.

Nella sala accanto intanto un altro funzionario gridava contro due aspiranti immigranti siriani che non li avrebbe mai fatti entrare visto che nella loro famiglia c’erano dei parenti accusati di strage.

Ma quanto mi dispiace per voi, ma che vi posso dire, a volte succede…

Dopo aver letto questa notizia mi sento:

  1. Affamato
  2. Costipato
  3. Effe quattro
  4. Ilare con tendenze alla noia, poi gioioso infine depresso
  5. Emo

un ciddì: il capro – le notti del maligno vol I: il riflesso della morte (black vagina records, 2013)

link: download and streaming

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s