quando l’orrore è femmina

Mi piaceva l’idea di intitolare questo post in modo da fare concorrenza alle peggiori rubriche di cinema che ci propinano i nostri quotidiani a maggiore fruizione, ma senza cadere nel facile femminismo.

Insomma è che ho avuto il tempo di vedere tre film in tre giorni.

Ovviamente dell’orrore, come tutte le volte che posso.

Ne ho così tanti da recuperare…

Così è per un caso che ho visto tre pellicole in cui le protagoniste sono donne.

American Mary. ( regia femminile gemella!!!)

Excision.

The Woman (e possibilmente il non propedeutico Offspring).

Che dirvi se non che sono tre capolavori come non ne vedevo da tempo? Non sono un critico cinematografico, quindi eviterò di sbrodolarmi per evitare di mandare in corto la tastiera.

Se vi piacciono i film dell’orrore e avete giustamente delle aspettative, godeteveli.

Soprattutto l’ultimo, riassume lo splendore dello splatter degli anni ’80, la ricerca delle trame degli anni ’90 e l’affinamento della drammaturgia degli anni ’00.

E poi l’attrice principale è pollyanna mcintosh.

Massimo rispetto e lacrime di giuoia per la sua mirabile naturale attitudine al cannibalismo.

Un quarto film al  femminile merita inesorabilmente di finire nella colonna della vergogna: megan is missing.

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

One Response to quando l’orrore è femmina

  1. Pingback: Aaaahhhh 2 (reprise) | zamba!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s