sbirri

I poliziotti di Kinshasa spesso fanno i mestieri più strani: parcheggiatori abusivi, camionisti, gesticolatori, ladri, guardie private, cancelli automatici, raramente le forze dell’ordine. Hanno una particolare propensione a fermare macchine condotte da donne e uomini di razza caucasica, soprattutto nel fine settimana, soprattutto con targhe che denotano alcuna appartenenza importante.

Di solito quando cercano di fermarmi li evito e li saluto con la mano.

Una volta mi hanno circondato la macchina, saranno stati una ventina. Per evitare di farmi scappare hanno messo dei massi enormi davanti e dietro la macchina. Sono rimasti un po’ male del fatto che della loro richiesta di spegnere la macchina e uscire, mi ci sono pulito il culo. Ma dopo pochi minuti, dopo l’intervento dei nostri cowboy ero di nuovo in strada, e se non fossero stati così aggressivi magari gli avrei pure dato qualche dollaro anziché andarmene e basta.

Stessa scena, diverso incrocio, pazienza poca. Dice che non avevo le cinture. Vero. Ma attorno c’erano circa cinquanta mezzi di locomozione a motore che con molta fantasia chiamerei macchine che pasavano col rosso, a 120 all’ora e con nemmeno l’ombra di un’idea di cosa sia una cintura di sicurezza. Ho iniziato a gridare contro i poliziotti, dapprima forte, poi molto forte, poi fortissimo. I poliziotti mi hanno chiesto scusa e sono andati via.

Probabilmente erano poliziotti anche i tre tecnici che sono venuti a riparare la stampante (non mi stupirebbe).Sono arrivati di bianco vestiti, in camice come i migliori medici della televisione.In tre anche se le stampanti erano due.

Due stavano seduti e scrivevano, il terzo giocava un po’ con la stampante, probabilmente ignari del fatto che io sapessi quale fosse il problema, e dettava.

Ma ero occupato, troppo occupato pure per ridere.Ma oggi, quando mi hanno detto che per riparare la stampante ci vorrebbero tremiladollari non ce l’ho fatta, grassa risata in faccia.  tremiladollari per riparare una stampante che ne costa la metà.

Pure l’arroganza dovevano tirarmi fuori, cazzo.

E la fierezza di essere arrogante, ma vaffanculo.

ho bisogno di vacanza.

unciddì: Liquido di Morte – s/t (2014)link: bandcamp

Advertisements
This entry was posted in Kinshasa. Bookmark the permalink.

One Response to sbirri

  1. Pingback: Robottoni | zamba!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s