sordo

A volte vorrei essere sordo .

O almeno avere un interruttore, discreto, dietro l’orecchio per poter evitare di sentire la marea di stronzate che mi tocca sentire quando parlo con certi direttori, del tipo:

“Siamo senza corrente perché non abbiamo soldi per pagare la bolletta, abbiamo acceso il generatore a gasolio che impiega solo 500$ di carburante al giorno”

“I paesi civilizzati continueranno a pagare il nostro paese per avere il diritto a inquinare”

“Certo che potete andare nella foresta, però dovrete portare con voi in ogni missione, e pagarlo, un funzionario del ministero, sa per la trasparenza”

Di quale trasparenza si tratti, non si sa bene.

E comunque attaccati forte al cazzo.

Oppure quando mi dicono “Grazie Padrone”

Cazzo no. Grazie Padrone, no. Non permetto che mi dicano grazie padrone.

Ma sentirlo dai poliziotti non mi dispiace in realtà.

In Italia nessun poliziotto mi ha mai detto Grazie Padrone. Anche se avrei tanto voluto sentirlo.

Allora mi rifugio nel mio mondo fatato fatto di musica dove tutto è bello, quasi sempre.

un ciddì: Verdena – Endkadenz Vol.I (2015)

link: spiegone su wikipedia

I Verdena sono un po’ sfortunati. Fanno schifo al circuito indie che li ascolta con la faccia di chi ha appena visto Al Bano fare la cacca perché non sono abbastanza indie, sono ignorati dal circuito mainstream perché troppo Mh e poco Yé, ma sono abbastanza famosi da finire nella colonna della vergogna del sito di Repubblica.

A me i Verdena piacciono, non sono mai uguali a se stessi, cercano di fare le cose bene, sono schivi ma non se la tirano.

L’album è bello, non epocale, non geniale, ma abbastanza ben fatto.

Ho letto in una critica che dice che il loro punto debole siano i testi; può anche essere (ma non sono d’accordo) ma non mi pare che Mount Eerie con la chitarrina sommessa abbia scritto del dolce stil novo, per carità suggestiva, bellina,  ma mah.

Chissà se esiste qualcuno che da i voti alle critiche dei critici.

Non so, è che mi pare che quando uno si ritaglia una “linea editoriale” poi ritaglia fuori un sacco di roba che anche se gli piace non lo ammetterà mai, come un mio amico metallaro che di nascosto ascoltava, cantava e suonava cocciante.

Advertisements
This entry was posted in Kinshasa. Bookmark the permalink.

4 Responses to sordo

  1. FF says:

    (sono quello che ha scritto il pezzo che linki)

    non riesco a capire quale sia il meccanismo mentale con cui passi dal non essere d’accordo con la mia opinione in merito ai testi dei verdena a blastare i testi Phil Elvrum (che scrive testi diversi in una lingua diversa, ma immagino sia un altro caso di disaccordo considerato che a tratti li trovo geniali). e soprattutto a una considerazione di massima sulla linea editoriale di bastonate (che ne ha una) e sul fatto che questa linea editoriale in qualche modo mi impedisca di dire che apprezzo certi artisti. Davvero, non lo capisco. ho riletto il pezzo sette volte e non l’ho capito.

    (non ho trovato l’email per cui ti becchi il commento, ecco)

    • ch3o says:

      Uh! Be, intanto la linea editoriale di Bastonate (per iniziare dalla fine) mi piace assai.
      La leggo con piacere e scopro sempre cose nuove e gruppi nuovi.
      Il mio non voleva essere un attacco personale, non nel senso che credo sia traspirato…è un commento sulle recensioni in genere, che spesso tagliano con l’accetta piuttosto che guardare da angoli diversi. Detto questo, i testi di Phil Evrum saranno anche geniali, ma a mio avviso non tutti, anzi alcuni sono abbastanza banali. SOno d’accordo sul fatto che sia difficile confrontarli, l’ho fatto solo perché li hai scritti nella stessa pagina.
      Vabbé non te la prendere, è che a me le recensioni di musica indie oltre che ad arricchirmi culturalmente, spesso mi fanno ridere parecchio per il tono di seriosità. Tutto qua.
      Grazie per il commento comunque, e continuate così (non è ironico).
      ch3o

  2. FF says:

    (volevo scrivere “che non ne ha una”. non ha una linea editoriale. peraltro non ha nemmeno un editore, in senso stretto.)

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s