biodiversità

Non abito tanto lontano dal fiume Congo.

Meno di un chilometro.

La notte i batraci fanno un frastuono che non ci si crede, assordante, credo che siano milioni.

Poi verso le quattro del mattino iniziano gli uccelli.

Ogni ora c’ha le sue specie e i suoi canti, tutti diversi l’uno dall’altro.

Fino al mattino, quando il canto degli uccelli é sostituito dalle scatarrate dei cinesi vicini.

Ogni cinese ha la sua scatarrata particolare, accompagnata o meno dal tirare su col naso, profonda, seguita da sputo oppure lasciata sospesa, lì, eterea e incompiuta.

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s