duty free

Tra i benefici del nuovo contratto c’é pure la possibilità di accesso al duty free.

Un posto dove posso comprare cose senza che il loro prezzo sia triplicato.

In teoria.

“Buongiorno, devo comprare un frigo.”

“Buongiorno, perfetto, allora mi dia il documento rilasciato dal suo datore di lavoro, la iscriviamo, poi sceglie il frigo, poi noi riempiamo una fattura proforma, gliela diamo e lei la porta al suo datore di lavoro che la porterà al ministero degli affari esteri. Dopo solo tre o quattro giorni potrà avere l’autorizzazione a portare a casa il suo frigo che le è costato solo settecento dollari”

Del resto ci sono ben due scelte, frigo piccolo o frigo enorme.

Scelgo il secondo, così posso metterci a pazienza quando avanza.

“Ok….senta, dovrei comprare anche delle posate”

“Facilissimo, vada in quel settore là’ scelga i coltelli, poi si fa preparare una pre fattura.

La pre fattura verrà successivamente battuta a macchina in un altra stanza, poi in un’altra stanza ancora dovrà pagare e tornare nella stanza della macchina da scrivere per convalidare il pagamento. Poi torna a prendere i suoi coltelli ma prima di uscire si ricordi di mostrare il suo acquisto e le fatture al guardiano, altrimenti sono cazzi.”

Affrontare la burocrazia etiope è più facile quando sei italiano.

un ciddì: M.I.A. – matangi (N.E:E:T, Interscope,2013)

link: wikipedia

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s