amarico

Non contento di parlare un pessimo inglese ho deciso di cimentarmi nell’amarico per fare figure di merda poliglotte.

L’amarico é moooolto complicato che tipo anche solo dire buongiorno richiede un certo numero di neuroni funzionanti.

Un casino con il doposbornia e il lunedì mattina.

Ogni volta che dici buongiorno devi essere sicuro:

-Del sesso della persona;

-Del numero di persone;

-Della posizione sociale della persona;

-Del momento della giornata.

Una volta detto buongiorno, (“Sei in pace?”), puoi chiedere come sta la famiglia, poi nel dettaglio come stanno i figli, i genitori etc.

C’é anche il “Come va?” ma tipo lo usi con i grandi amici che vedi tutti i giorni.

Ci sono volute circa 9 ore di lezione per impararli e siamo solo cintura gialla di saluti.

Poi c’é l’alfabeto. L’alfabeto a vederlo fa paura a impararlo malditesta.

Ogni tanto lo sogno, e sono sogni di terrore.

E di malditesta.

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s