Ammazzatine

Ogni tanto il governo ammazza “per sbaglio qualcuno”, poche centinaia eh?  Niente di serio.

Poi la gente un po’ s’incazza.

E allora il governo li lascia sfogare un po’, gli fa distruggere alberghi e fabbriche e camion.

E poi ne approfitta per dichiarare lo stato di emergenza, e magari per pisciare un pochino sui confini e puntare il dito verso qualche nazione vicina.

Così giusto per.

Poi chiude internet, quasi completamente, del tipo che bestemmi per aprire gugòl.

Strategicamente mi sembra un deja-vu.

Non si può uscire dalla città, che paradossalmente sembra in calma piatta.

Per ora non ho visto nulla coi miei occhi, ma ho sentito molta gente parlare, e nessuno sembrava particolarmente contento.

Mi piace tanto questo paese, e la sua gente, spero che trovi la sua strada presto, e spero che non sia troppo sanguinosa.

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s