piccoli punks

All’inizio faceva il timido, calma piatta e ascolto di questa “nuova” voce che si avvicina dicendo cose terribili tipo “edududududù” in direzione della panza. Poi nella rottura degli indugi ho identificato almeno tre movimenti:

Il rotolone, lo spostarsi con movimento ondoso da una parte all’altra della panza, giusto per vedere che c’é di là.

Il rullio, il ritmico battere coi piedi sulla superficie della panza.

L’aggiustamento, quando la mamma si sistema più comodamente e lui riconquista lo spazio.

È impossibile non emozionarsi o non trovare parallelismi con le tecniche di Dave Lombardo.

I giorni sono pochi, ma sarebbero stati pochi anche il triplo, quindi si stringono i denti.

Approfitto per dire ad alitalia che le nuove divise delle hostess fanno schifo al cazzo e sembrano partorite da un fumettista senza fantasia degli anni venti con problemi gravi di daltonismo e la presunzione di essere alla moda. In compenso il capellino a forma di cacata causata dalle amebe africane e la gentilezza delle hostess é perfettamente coerente col vestito.

un ciddì: alec empire – futurist (Digital Hardcore, 2005)

link: wikipedia

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s