surprais

Sono dunque tornato ad Addis.

Bagaglio arrivato, come sempre.

Taxi puntuale, ed economico (7 euro), come sempre.

Arrivo a casa e internet non va. Vabbé succede.

Ma é l’hotspot che non va.

Ed é pure il modem che non va.

Apparentemente fottutissimi.

Esco e scopro l’arcano.

Due giorni fa un fulmine cercava atterraggio e lo ha trovato nel palo di fronte a casa mia riducendolo in briciole.

Un fulmine che ha svegliato il mio amico T. che vive a tre chilometri da casa mia…

Fortuna volle che a quel palo ci fossero connessi modem e wifi…

Chiamo il tecnico gia bestemmiando all’idea delle settimane senza internet.

Il tecnico arriva dopo tre ore. Sistema la connessione e mi presta il suo modem, quello che usa per i test.

Mi ci vogliono le mani per chiudere la bocca.

Penso all’efficienza di telcom italia.

Pagherò un modem nuovo domani, senza dispiacermi troppo.

3-0

un ciddì: jamie lidell – building a beginning (Jajulin – 2016)

link: wikipedia

Advertisements
This entry was posted in Addis Ababa. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s