previously

Sono state settimane concitate.

Sono stato per 24 ore in Sicilia per prendere il punk e la portapunk e portarli ad Addis.

Valigie da chiudere, punk da strapazzare.

Il punk é stato un bravissimo viaggiatore, si é goduto il viaggio.

Pure la portapunk ha fatto da brava.

Io ho fatto il facchino. Con il punk hanno viaggiato circa cento chili di bagagli.

Poi siamo arrivati, ci siamo installati, ho comprato un fasciatoio di bambù per ripulire il punk dalla merda che produce con generosità, ho lavorato come un somarello, sono stato in missione in Gambella.

Ma tornare a casa adesso é molto diverso, meno film horror ma più sorrisi.

Abbiamo passato un w-e da soli, per la prima volta tutti e tre.

E mi é piaciuto.

La sera passo il tempo a raccontare storie di pirati al punk prima di dormire, strategie per assaltare i galeoni spagnoli sgozzando le guardie per non farsi scoprire o staccandogli la testa con un morso solo (il pirata é un ippopotamo) per impadronirsi del prezioso carico di pannolini puliti e salviette profumate.

Il punk é entusiasta.

Ci divertiamo.

un ciddì: dope body – kunk (Drag City, 2015)

link: wikpedia

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s