Author Archives: ch3o

angst

Avevo scritto ieri sera un post su Giovanni Lindo Ferretti, si un altro, questa volta cercando di capire se in realtà il suo piano rientri in una strategia accelerazionista. Poi però stamattina ho deciso di cancellarlo. Il post d stato … Continue reading

Posted in Uncategorized | Leave a comment

rallentazionismo

Come tanti di voi pure io mi sono svegliato una mattina con un dubbio atroce. Mentre bevevo il caffe’,mentre guidavo, mentre camminavo, ma sopprattutto mentre leggevo quel bellissimo quotidiano di fuffa che è repubblica. Ma chi cazzo sono i Maneskin? … Continue reading

Posted in Uncategorized | Leave a comment

càpita

Dipende dal lavoro, certo, e da dove ti trovi nel mondo. Però a volte succede (per me tre volte in cinque anni) di ricevere messaggi del tipo: -Riempi il serbatoio della macchina; -Fai scorta di acqua e cibo; -Tieni tutte … Continue reading

Posted in Addis Ababa, Kinshasa | Leave a comment

repente

Mentre sei li nel tuo uficcio, zitto zitto, bestemmiando tra te e te in vari linguaggi di programmazione, soprattutto inventati, senti improvvisamente qualcosa che non va. Pensi a una variazione nella luce, no. A una temperatura improvvisamente sgradevole, no. A … Continue reading

Posted in Uncategorized | Leave a comment

astice

Mia sorella mi ha raccontato che una volta, mentre era in ristorante, la sua vicina di tavolo ha chiesto un piatto di spaghetti all’astice. Quando le hanno portato i suoi spaghetti all’astice, li ha rimandati indietro disgustata. Appena il cameriere  … Continue reading

Posted in Uncategorized | Leave a comment

Ciaociao

Ciao Capo, si insomma ci ho pensato parecchio, pure troppo. Si il lavoro potenzialmente mi piace, si l’Etiopia mi piace assai, si la mia famiglia sta bene. No é che proprio mi sono rotto il cazzo, sai com’é uno può … Continue reading

Posted in Uncategorized | Leave a comment

fave

Sono anni ormai, prima in Italia poi in Africa, che passo le mie giornate lavorative in stanze piene di uomini. Fava beans fields forever. Per cui ogni volta che una donna (di qualsiasì età o stazza) entra nella stanza sembra … Continue reading

Posted in Uncategorized | Leave a comment