Category Archives: Uncategorized

oggi così

Oggi tocca a voi, gruppi “indipendenti” italiani di stocazzo. Indicapaci di suscitare emozioni aldilà del fastidio. Uno cerca cerca cerca, ma poi basta, Uno si rompe le palle e va a trovare facilmente nelle produzioni non-nostrane. Vi siete livellati. Siete … Continue reading

Posted in Uncategorized | Leave a comment

cortina

Stanotte ho sognato che nel cortile di mia nonna c’erano dei gatti. Uno seduto. Che fumava. Con la sigaretta tra le unghie. E se non aveva la sigaretta miagolava per chiederne una. Stamattina mi sono svegliato con la puzza di … Continue reading

Posted in Uncategorized | Leave a comment

cazzo rotto

La mamma me l’aveva detto: stai attento a non scivolare sulla gente viscida! Però io poi mi butto a capofitto a lavorare e non guardo dove metto i piedi. E di gente viscida ce n’é a iosa. Ma il viscidume … Continue reading

Posted in Uncategorized | Leave a comment

sserts

Strano come lo stress al contrario diventi sert. Mi reputo una persona razionale, dal background scientifico come sanno tutti quelli che passano di qua e come sa pure mio fratello immaginario. Mi diletto a giocare con l’informatica e la programmazione, … Continue reading

Posted in Uncategorized | Leave a comment

pino

Ho lavorato per valutare la stabilità degli alberi di Roma per almeno due/tre anni. Non di seguito, ma credo di aver fatto l’analisi di più di duemila piante in tutto. Tra queste i fantastici pini. I pini sono stati piantati … Continue reading

Posted in Uncategorized | Leave a comment

contemporaneo

È  complesso in queste grigie giornate d’inverno essere un uomo moderno. Adattarsi a queste nuove tecnologie, alle mode che cambiano. Fare senza Berlinguer ti voglio bene e senza Benigni. Scordarsi di essere nati e cresciuti in un periodo dove non … Continue reading

Posted in Uncategorized | Leave a comment

dicorsa

E quindo ho deciso di rimettermi a corr…hahahaha. No, non proprio corsa per ora, diciamo corsetta incerta da anziano che attraversa la strada, però sto meglio solo all’idea. Quando ero in Congo mi sfiatavo in un attimo perché correvo al … Continue reading

Posted in Uncategorized | Leave a comment