ritornini

Ho passato un’ora stamattina ad ascoltare Wicked Gravity di Jim Carroll.

Non é come passarci l’inverno del ’95, ma in effetti non la conoscevo e bisogna recuperare in qualche modo. Un amico ne parlava da poco in un commento.

Chi conosce i Massimo Volume sa bene come siano cresciuti, come la voce di Emidio sia cambiata diventata più profonda e intensa, la musica più avvolgente pur restando aspra, le immagini evocate quelle sono sempre nitide e contrastate.

Quanto ha inciso la musica nella mia vita.

Quante volte mi rompono i coglioni ogni giorno facendomi togliere le cuffie per farmi domande stupide.

Spezzando fili di pensieri, proiezioni mentali e spesso post sul blog o semplicemente il silenzio che mi si crea in testa con la musica.

A volte quando torno a casa metto su i nuovi ascolti per condividerli con la famiglia.

Il punk la chiama Muka. E l’ha detto prima di dire Babbo.

Sono soddisfazioni. La mia unica preoccupazione è che sembra piacergli suonare i bonghi. Se mi diventa fricchettone lo caccio.

Advertisements
Posted in Uncategorized | Leave a comment

cronenberg

Ho visto sto film che si chiama shapeshifter o discarnate, dipende dalla distribuzione.

Shapeshifter è un film di Cronenberg, ma senza Cronenberg,

Una birra senza alcol ne schiuma, e pure tiepida,

Un ligabue senza il Sol Maggiore,

Un cinquestelle senza toninelli,

Una salsiccia vegana,

Un punk senza pogo,

Un sardo che vota lega.

Un partito sardo d’azione che va a destra,

Un caffè salato,

Una scorreggia puzzolente a tavola.

Insomma un film del cazzo, non divertente, fatto male, senz’anima e senza passione, uno sputo, un nonsenso. Un’accozzaglia di trame senza senso che solo Cronenberg potrebbe riscrivere e girare per farne il capolavoro che sembra nascondere.

Poi voglio pure un film di Robert Rodriguez, in cui un Emilio Lussu zombie torna dalla tomba a organizzare un’armata per prenderli tutti a calci in culo a sangue.

un ciddì: sleaford mods – eaton live (Cargo,2019)

Posted in Uncategorized | Leave a comment

square

Sono andato a ballare la technomusic sabato. Come un giuovane qualunque.

Ho scoperto questo posto (attenzione link a feisbuc) grazie a un tipo inglese conosciuto per caso la sera prima al ristorante messicano.

Così ci siamo andati di pomeriggio, bellino.

Poi mi hanno detto che la sera avrebbero suonato. Il tutto organizzato dalla east african records, nella persona di David Cecil, di cui vale la pena leggere.

Così ho parcheggiato il punk e ottenuto la benedizione della moglie per andare a scatenarmi, e i l’ho fatto come un cane che esce dal cofano dopo due ore in macchina per correre nei prati.

Però cazzo, lo potevano dire che suonava Martin Glover, aka “Youth“. (!!!)

E di giovinezza il tizio ne fa trasudare tanta.

E dopo di lui una serie di dj locali, tutti che suonavano di Cristo. Donne incluse.

Sono state ore intense, movimentate, alcoliche.

Quanto mi mancava la techno suonata dal vivo. La serata é stata da spavento, tuoni e fulmini e uragani tropicali inclusi.

Sono tornato a casa felicemente stordito e frastornato.

Ne voglio ancora.
Grazie David!


Posted in Uncategorized | Leave a comment

insonnia

Mi capita sempre più spesso.

Mi sveglio presto, prestissimo, senza più sonno.

Mi sveglio alle tre, ieri notte.

Mi butto giu dal leto, stanco di rigirarmi tra le lenzuola dopo venti minuti.

Cazzeggio venti minuti su reddit.

Leggo.

Asciugo litri d’acqua entati dalla porta per il temporale notturno.

Doccia.

Poi?

Ok, lavoro. Ma con qualcosa nelle orecchie.

È tempo di ascoltare il nuovo Massimo Volume, è tempo per il nuotatore.

Ogni canzone del Nuotatore é come se partisse a palla, in una corsa che é già iniziata fuori dall’album, prima dell’abum, una specie di maratona a quaranta all’ora stabili che non sembra avere intenzione di rallentare.

Non ci sono sorprese nell’album. Tutto l’album è di un banalissimo ottimo livello.

Chitarre lanciate a comporre un quadro che ieri notte é rimasto appeso per sempre.

Testi che si piantano lì come le parole del miglior libro che hai letto.

Grazie di nuovo Massimo Volume.

Sono passati ventiquattro anni da quando ho sentito la voce di Emidio la prima volta. La ferita é ancora lì, fresca.

Non torno a dormire, ma quando dormo, dopo venti ore, lo facio senza sogni.

un ciddì: massimo volume – il nuotatore (42 records, 2019)

Posted in Uncategorized | Leave a comment

salvatempo

Non perdete tempo a guardare Overlord e Super Dark times. Due filmetti noiosi con trama noiosa e ritrita.

lo chef consiglia piuttosto Unsane, Ghostland e The Cleanse

Riguardo “M” di Scurati mi limito a dire poche cose da laico della letteratura: Il libro ha uno stile molto fresco e snello, non annoia mai, tiene incollati come un triller e non appesantisce una storia già bella pesante per tutti noi. Se ci sono pure delle imprecisioni devo dire che sono abbastanza ignorante da non essermene accorto. Il libro lascia con tanta curiosità per il periodo del fascismo che vien evoglia di leggerne ancora e di approfondire. Quindi grazie Scurati.

Ora sto leggendo “anime morte” di Gogol che devo dire è molto più divertente di quanto pensassi (aka temessi).

un ciddì: kint – stoned.immaculate (Small pound, 2018)

Posted in Uncategorized | Leave a comment

umani

Ho sognato di essere in un bar in Africa, un postaccio, e improvvisamente parte “Riders on the Storm” e tutti si alzano in piedi a ballare.

E io penso, va’ che figata, una canzone di 50 anni che ancora smuove la gente di tutto il mondo a ballare assieme in un senso comune di fratellanza e amore.

Poi mi sveglio, sono le sei, basta sogni, tempo di alzarsi e vedere i Gorilla.

Una sorella è venuta a trovarci.

Finalmente, dopo sei anni di Africa!

Ma non è lei il gorilla di cui parlo.

Superfelici per l’avvento abbiamo subito messo in moto la capacità organizzativa di E che ci ha organizzato un super viaggetto.

Non abbiamo fatto migliaia di chilometri di strada ma per fare 200 chilometri qua ci vogliono anche otto ore se non hai troppo voglia di correre incontro al tuo Dio a braccia aperte. Visto che il mio Dio è Cthulu direi che posso aspettare.

Il punk si è confermato bimbo da viaggio anche per questo inizio duemiladiciannove. Quando lo mettiamo nel seggioino assume lo sguardo tipo “Ora sto muto e rassegnato, ma ti conviene dormire che appena scendo sono cazzi tuoi” E infatti.

Quindi dicevo i Gorilla, a Bwindi.

Per fare il tracking dei Gorilla bisogna alzarsi presto e le guide comunicano con le altre guide che li seguono giorno e notte manco fossero Saviano.

Quindi dovunque si trovino nella foresta, se li vuoi vedere devi immedesimarti parecchio e raggiungerli. Tipo giocare a Rambo per un paio d’ore, ma qusto del resto fa parte pure del mio lavoro.
Un’esperienza unica, benchè non facciano un cazzo a parte dormire e mangiare.

Voi direte, tanto vale stare a casa a vedere zio tommaso che guarda la partita e beve birra.

Io non so quanto peloso sia tuo zio tommaso, ma non può competere con un gorilla della foresta ugandese. Che sta a due metri da te, che ti ignora, almeno per finta ma che sai bene e lo sa pure lui che se gli gira il cazzo può staccarti un braccio a mano.

Questo scommetto che tuo zio tommaso non lo sa fare.

Sono bellissimi i Gorilla, espressivi, potenti e tu puoi solo stare li a bocca aperta per ogni cosa che facciano o non facciano.

Altri chilometri altre bestiole, tra cui decine di leoni, elefanti, ippopotami, gazzelle, e altre simpatiche creature che non vedono l’ora di entrare a fare parte della catena alimentare. Tutto visto al Queen Elizabeth.

Io aspettavo soprattutto gli elefanti e il loro barrito. E non ho aspettato invano. Non vi posso descrivere l’emozione. Di fronte a me gli elefanti che facevano il bagno, barrivano, giocavano, si corteggiavano e in braccio a me il punk che strillava come un aquila.

Quindi si, l’Uganda vince.

Quindi si, il punk ce l’ha fatta un po’ pagare, ma non gli tengo il muso per questo.

Quindi si ora sono tornato al lavoro.

un ciddì: sweep the leg johnny – sto cazzo! (Southern, 2000)


Posted in Uncategorized | Leave a comment

spunta

Così dalla playlist random rispuntano i Motorpsycho.

Zitti zitti.

There is no tomorrow, there’s only now
And when you think about it so much left to do
You can have kisses by the millions…

Insomma da quando sono arrivato in Uganda ho subito una trasformazione.

Un’altra.

Mi sveglio alle 5. Tutti i giorni. Io? Ma che cazzo dici? Si si ti giuro. Tutti i giorni senza sveglia. Mi sveglio e mi alzo. Facco colazione, uova ciccia formaggio, insalata, la pasta con le melanzane del giorno prima. La qualunque.

Leggo le news e socializzo sui social ben sapendo che tutti dormono, quindi socializzo a senso unico.

Get up, go to california,go to where the skies are blue
Move on there are no exceptions,the world is turning tricks for you
There is no tomorrow,there’s only now
And when you think about it so much left to do
You can have kisses by the millions if you want to…

Ora, perchè il mio copro abbia sentito l’esigenza di farmi questo non lo so, ma non sto male, non ci sto male. Anzi la mattina al buio in silenzio trovo un po’ di tempo per cazzeggiare e stare in silenzio.

Some stall,some can’t get their bearings,some can never move on time
Don’t think,never fret or worry, life will not leave you behind
There is no tomorrow,there’s only now
And when you think about it so much left to do
You can have kisses by the millions if you want to…

Ma questo non mi preoccupa quindi, in fondo ho solo più tempo per me che non é male, poss fare una doccia con calma, leggere, stare semplicemente sul divano. Il problema vero é un altro.

Non bevo.

Non bevo più.

Non ho voglia di una birra appena torno dal lavoro.

Non ho voglia del vino a tavola.

Non ho volglia di una vodka gelata liscia ogni tanto.

Non mi manca.

Cazzo, non mi manca l’alcol. E non ho fatto nulla.

Cosa ho fatto per meritarmi questo? Cosa ho fatto di male?

Some dream too much
Some dreams turn into nightmares too
All dream,but not a single soul wasted time and stayed content
Get up, go to california!
Get up, go to california!!
Get up, go to california!!!

E allora si, forse è meglio che mi alzi e vada dal dottore.

Get up, go to california,go to where the skies are blue
Move on there are no exceptions,the world is turning tricks for you
Some dream too much
Some dreams turn into nightmares too
All dream,but not a single soul wasted time and stayed content
There is no tomorrow, there’s only now
And when you think about it so much left to do
You can have kisses by the millions if you want to…
Get up, go to california!
Get up, go to california!!
Get up, go to california!!!

Posted in Uncategorized | Leave a comment